Crea sito

Welcome to: www.lucaniamia.altervista.org*** Nota: Le foto e i testi presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet, Wikipedia (Wikipedia e' liberamente editabile), Enciclopedie, liberamente tratte dagli organi di informazione,proprie o a me inviatemi e quindi valutate di pubblico dominio. Tutti gli eventuali diritti sulle immagini e testi appartengono ai legittimi proprietari. Se i soggetti o autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo. Provvedero' prontamente alla rimozione delle immagini o testi utilizzati. Il presente sito non e' a scopo di lucro, ma desidera solo la diffusione della conoscenza. Queste pagine pero' mi sono costate molta fatica intellettuale e manuale. Mi riservo i diritti di autore. Per apportare eventuali correzioni ho inserito una "Guestbook" se vuoi lasciarmi un messaggio come visitatore del sito. Questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Ideazione, realizzazione e Design di Gino Di Grazia.
*This is a site no profit.* © Copyright 2011. All Rights Reserved.* Idea, Implementation & Design by : Gino Di Grazia* Powered by : digrafic.creativity* Contact, sendmail to: lucaniamia@gmail.com



La Lucania

Comune e provincia di Potenza

Città della Basilicata, di provincia, con 46.869 abitanti, situata nell'alta valle del fiume Basento a 819 m di altezza (dopo Enna il più elevato caplg. di provincia d'Italia). Il clima è piuttosto aspro (neve in inverno con medie di 3°C in gennaio, estati calde con medie di 26°C in luglio; piovosità di 800 mm). Pur conservando vari monumenti di età diverse, ha in complesso aspetto moderno; importante centro commerciale di prodotti agricoli e dell' allevamento, è anche notevole centro di comunicazioni stradali e ferroviarie. Il territorio comunale, ampio 174 kmq, conta 56.597 abitanti (43.545 nel 1991).

Storia. Fondata dai Romani, probabilmente nel secolo II a. C., municipio in età imperiale, raggiunse in breve grande prosperità. Saccheggiata da Alarico nel 402, nel secolo VI fece parte del ducato longobardo di Benevento, dal quale si distaccò nell'847, seguendo la sorte del principato di Salerno. Fu una delle più antiche sedi vescovili della Lucania e crebbe continuamente d'importanza.

Ribellatasi nel 1269 a Carlo d'Angiò, ne fu poi punita con il saccheggio e la distruzione delle mura, a cui si aggiunse nel 1273 un violento terremoto. Concessa in feudo ai Sanseverino, partigiani degli Angioini contro i Durazzeschi, nel 1399 fu assediata e conquistata da Ladislao di Durazzo, che ne mandò a morte il feudatario.

Passò quindi a Gurello Origlia, a Michele Attendolo, a Innico di Guevara (1435) e infine ai Loffredo, che la tennero in feudo per due secoli circa, sino all'abolizione della feudalità. Nel 1799 la città si oppose alle bande sanfediste del cardinale Ruffo e nel 1806 fu dichiarata dai Francesi capoluogo della regione. Il 18 agosto 1860 insorse contro il presidio militare borbonico.

Urbanistica e Monumenti. Si presenta in tre successioni cronologiche e topo grafiche : la città antica (di cui restano solo delle iscrizioni) situata c. 140 m più in basso di quella moderna, la medievale, riconoscibile dalle mura, e la moderna estesa verso E. Del periodo romanico rimangono la chiesa di San Michele, alcune parti della cattedrale riedificata nel sec. XVIII da A. Magri, e la chiesa di San Sepolcro con decorazioni esterne in tardo-gotico. La chiesa di San Francesco del sec. XIII (con convento cinquecentesco) ha due portali quattrocenteschi e porte lignee di alto livello artistico; all'interno è ricca di opere pregevoli.

Il museo provinciale lucano ha importanza per le sue collezioni archeologiche

Provincia di Potenza. Ampia 6545 kmq e con 408.435 abitanti (1991; densità 62 ab./kmq), suddivisa in 99 comuni, comprende tutta la parte elevata della Basilicata (Appennino Lucano); umida e boscosa, è una regione di colline argillose, aride e spoglie, L'economia è prevalentemente agricola (cereali, oliveti, vigneti).
Potenza e' la citta' capoluogo regionale della Basilicata situata a ridosso dell'Appennino Lucano, nell'alta Valle del Basento, ed un importante nodo di comunicazione che ospita una universita' ed ha anche una vita culturale molto attiva.
Il centro di Potenza e' la Piazza Matteotti dove c'e' il Palazzo del Comune e nei dintorni si trova anche il Duomo di San Gerardo, patrono della citta' che lo festeggia con la tradizionale Sfilata dei Turchi, una rimanifesta dei riti propiziatori di origine contadina sui campi di grano che si tiene appunto il giorno della sua ricorrenza.
La bella Chiesa di San Francesco espone un sepolcro rinascimentale, la tavola della Madonna del Terremoto ed altri pregevoli dipinti in stile bizantino.
Nel Museo Archeologico Provinciale, situato in rione Santa Maria, vi si trovano i reperti preistorici della zona, oltre a diverse opere greche o d'origine romane, come il Tempietto e la Statuina di Persefone in Trono.
Potenza, d'origine preromana, ha subito durante i secoli le dominazioni dei Longobardi, degli Svevi e degli Angioini come anche altre distruzioni per i vari terremoti o dagli ultimi bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Comuni della Provincia di Potenza: Abriola, Acerenza, Albano di Lucania, Anzi, Armento, Atella, Avigliano, Balvano, Banzi, Baragiano, Barile, Bella, Brienza, Brindisi Montagna, Calvello, Calvera, Campomaggiore, Cancellara, Carbone, Castelgrande, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Castelmezzano, Castelsaraceno, Castronuovo di Sant'Andrea, Cersosimo, Chiaromonte, Corleto Perticara, Episcopia, Fardella, Filiano, Forenza, Francavilla in Sinni, Gallicchio, Genzano di Lucania, Ginestra, Grumento Nova, Guardia Perticara, Lagonegro, Latronico, Laurenzana, Lauria, Lavello, Maratea, Marsico Nuovo, Marsicovetere, Maschito, Melfi, Missanello, Moliterno, Montemilone, Montemurro, Muro Lucano, Nemoli, Noepoli, Oppido Lucano, Palazzo San Gervasio, Paterno, Pescopagano, Picerno, Pietragalla, Pietrapertosa, Pignola, Potenza, Rapolla, Rapone, Rionero in Vulture, Ripacandida, Rivello, Roccanova, Rotonda, Ruoti, Ruvo del Monte, San Chirico Nuovo, San Chirico Raparo, San Costantino Albanese, San Fele, San Martino D'Agri, San Paolo Albanese, San Severino Lucano, Sant'Angelo Le Fratte, Sant'Arcangelo, Sarconi, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Savoia, Senise