Crea sito

Welcome to: www.lucaniamia.altervista.org*** Nota: Le foto e i testi presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet, Wikipedia (Wikipedia e' liberamente editabile), Enciclopedie, liberamente tratte dagli organi di informazione,proprie o a me inviatemi e quindi valutate di pubblico dominio. Tutti gli eventuali diritti sulle immagini e testi appartengono ai legittimi proprietari. Se i soggetti o autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo. Provvedero' prontamente alla rimozione delle immagini o testi utilizzati. Il presente sito non e' a scopo di lucro, ma desidera solo la diffusione della conoscenza. Queste pagine pero' mi sono costate molta fatica intellettuale e manuale. Mi riservo i diritti di autore. Per apportare eventuali correzioni ho inserito una "Guestbook" se vuoi lasciarmi un messaggio come visitatore del sito. Questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Ideazione, realizzazione e Design di Gino Di Grazia.
*This is a site no profit.* © Copyright 2011. All Rights Reserved.* Idea, Implementation & Design by : Gino Di Grazia* Powered by : digrafic.creativity* Contact, sendmail to: lucaniamia@gmail.com





La Lucania

Musei e siti archeologici della Lucania

Elenco dei musei della regione Basilicata

La Regione Basilicata o Lucania è piena di testimonianze antiche ed il patrimonio artistico e storico è possibile trovarlo nei numerosi musei sparsi sul territorio. Uno dei percorsi più affascinanti che la Basilicata può offrire è quello della sua storia antica. Musei e siti archeologici sono testimonianza viva delle tradizioni millenarie di popoli autoctoni e migranti che hanno permeato il volto di questa terra bagnata da due mari, ricca di risorse vitali, in primis l'acqua, e perciò sempre particolarmente appetita. Nei pressi di di Potenza, è importante far visita a Castel Lagopesole, sontuosa dimora normanna. Molto suggestivo il salone dell'imperatore, ornato da mensole a capitello. Nelle zone meridionali di Potenza, nella valle del Basento, si ergono numerosi paesini-rifugio nati nel Medioevo come nascondiglio dalle invasioni normanne. Caratteristico il comune di Pietrapertosa in provincia di Potenza, dal paesaggio roccioso, e quello di Castelmezzano in provincia di Potenza raggiungibile solamente attraverso un percorso tortuoso. Il paesaggio è quello delle Dolomiti Lucane, con dolci rilievi coperti di boschi e di ulivi si alternano alte creste.


Qui troverete delle indicazioni fornite sia dall'annuario dell'APT, da Associazioni e Società private e informazioni sparse raccolte su Internet. N.B. Gli orari dei musei elencati provengono da fonti pubbliche o sono direttamente segnalati dai visitatori del sito, pertanto non è sempre possibile verificarne l' attendibilità. lucaniamia.altervista.org non è responsabile di eventuali variazioni o annullamenti o segnalazioni inesatte. Non tutti i sono chiusi nelle festivita' di Natale. Capodanno, Pasqua e Primo Maggio. E' consigliabile telefonare, ai musei interessati, per ulteriori informazioni. Per maggior informazioni, rivolgersi direttamente a: • Soprintendenza per i beni archeologici della Basilicata. • Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Basilicata del Ministero per i beni culturali e ambientali

PROVINCIA DI POTENZA

Citta' di Potenza :

Museo Archeologico Nazionale della Basilicata "Dinu Adameşteanu"
Galleria Civica
Area espositiva del Covo degli Arditi
Pinacoteca Provinciale di Potenza
Museo archeologico provinciale di Potenza


Musei e Siti archeologici in Provincia di Potenza:

Museo Diocesano di Acerenza, Acerenza
Museo nazionale dell'Alta Val d'Agri presso Grumento Nova (PZ)
Museo archeologico nazionale del Melfese di Melfi (PZ)
Museo Diocesano di Melfi, Melfi
Museo Archeologico Nazionale di Venosa, Venosa
Albano di Lucania. Museo del giocattolo povero e del gioco
Rionero - Museo "La Tavern R Crocc"
"Museo di Storia Naturale del Vulture" Monticchio (Rionero, Pz) - Abbazia di S. Michele
Museo archeologico nazionale di Muro Lucano (PZ)
Museo delle Antiche Genti di Lucania di Vaglio Basilicata (PZ)
Mosaico di Villa Romana in località Malvaccaro, presso Potenza
Museo della Civiltà Contadina - Lavello (PZ)
Museo della Cultura Arberesche - S. Paolo A. (PZ)



PROVINCIA DI MATERA



Citta' di Matera:


Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna
Museo archeologico nazionale "Domenico Ridola"
Museo Laboratorio della Civiltà Contadina
Museo archeologico nazionale "Domenico Ridola" di Matera
Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata a Matera
MUSMA Museo della scultura contemporanea di Matera
Pinacoteca D'Errico a Matera
Museo Ignazio Pisciotta - Matera
Museo della Tortura - Matera


Musei e Siti archeologici in Provincia di Matera:

Museo Archeologico Nazionale di Metaponto, Metaponto (MT)
Museo nazionale della Siritide, presso Policoro (MT)
Museo dei culti arborei, Accettura
Museo della civiltà contadina, Colobraro
Museo della civiltà contadina di Aliano (MT)



INFORMAZIONI UTILI MUSEI DELLA LUCANIA


Potenza : Museo Archeologico Nazionale "Dinu Adamesteanu"

Palazzo Loffredo, via Serrao, 11- 85100 Potenza
tel. +39 0971/21719 (+39 0971/323209 +39 0971/323111)
fax 0971/323261
archeopz@gmail.com
Orari di apertura: lunedì: 14.00 - 20.00
martedì - domenica: 9.00 - 20.00
Ingresso: interno € 2,50; ridotto € 1,25
Giorno di chiusura: lunedì mattina
sba-bas@beniculturali.it

Il Museo è ospitato nel Palazzo Loffredo, palazzo nobiliare del XVII e ora ceduta dal Comune di Potenza in comodato d’uso alla soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata. Il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata presenta al pubblico i risultati delle importanti ricerche condotte nella Basilicata centrosettentrionale e, al tempo stesso, costituisce la vetrina della complessa realtà archeologica di una regione che è stata luogo privilegiato dell'incontro tra genti di stirpe e di cultura diversa, al centro del Mediterraneo. Custodisce preziose testimonianze della Basilicata antica quale crocevia di popoli e di culture. Tra i reperti provenienti dalle zone interne e costiere della regione figurano ricchi corredi funebri, raffinate armature e la ricostruzione dell’ambiente dell’antico santuario intitolato Mefite, dea delle acque salutari. Il Museo è articolato su due piani secondo un criterio cronologico e territoriale che offre al visitatore un quadro generale sull'archeologia dell'intera regione ed un approfondimento sugli eccezionali ritrovamenti del territorio di Potenza. Il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata è dedicato a Dinu Adamesteanu, figura di studioso di assoluto rilievo internazionale, oltre che "fondatore" dell'archeologia lucana. Il Museo ha una superficie espositiva di oltre duemila metri quadri ed e' suddiviso in diverse sezioni che illustrano, a l'evoluzione culturale della Basilicata antica dalla fase antecedente alla colonizzazione greca sino alla conquista da parte dei Romani.


PINACOTECA POTENZA

Via Ciccotti - Potenza
Apertura: Mattino: 10.00 - 13.00 - Pomeriggio 17.00 - 20.00
Chiuso il Lunedì



Guardia Perticara (PZ) - Palazzo Montano

Indirizzo: Piazza Europa, Palazzo Montano
Orario: 08.00 - 20.00
Telefono: 0971 - 964004
Fax: 0971 - 964003



Potenza, Archivio di Stato di Potenza

Indirizzo: Via Nazario Sauro
Telefono: 0971/56144
Fax: 0971/56223
E-mail: as-pz@beniculturali.it
Sito web: http://www.aspz.it



POTENZA - MUSEO ARCHEOLOGICO PROVINCIALE

Indirizzo: via Ciccotti
I-85100 Potenza (Pz)
Telefono: (+39) 0971 444820
Distanza da Maratea: 125 km/ 1h,35
L'antico volto della Basilicata emerge dai reperti custoditi nel Museo Archeologico Provinciale, dove sono riscontrabili tracce di storia appartenenti al periodo compreso tra l'era paleolitica e l'eta' romana. I ritrovamenti che provengono da diverse aree della regione, in particolare dalla zona del Metapontino, sono costituiti prevalentemente da bronzi, statuette, iscrizioni greche e latine, ceramiche, armi. È uno dei maggiori punti di riferimento del Meridione per studiosi e visitatori, con la sua ampia offerta culturale data da mostre, convegni e laboratori di didattica dell’archeologia. Il percorso espositivo permanente spazia dal Paleolitico alla prima età imperiale. In mostra anche alcune opere di Giuseppe Antonello Leone, artista tra i più apprezzati a livello nazionale ed internazionale. Il Museo Archeologico Provinciale documenta la storia dell'archeologia in Basilicata ed espone reperti ritrovati negli scavi di Metaponto, Serra e Rossano di Vaglio, tra i quali un elmo corinzio in bronzo, la corazza anatomica bivalve della seconda metà del IV sec. a.C., statuette e testine votive femminili ritovate a Monticchio, il torso di "Kouros" del VI sec. a.C. rinvenuto a Metaponto, alcune terrecotte risalenti alla fine del VI sec. a.C.
Chiuso il lunedì. Gli spazi museali sono accessibili ai disabili
Il museo è dotato di sala polifunzionale e di un laboratorio per restauri
Orari: aperto dalle 9 alle 13 - chiuso lunedì mattina
Ingresso: gratuito
Contatti: Tel. 39 0971 444833
http://www.provincia.potenza.it



MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELL'ALTA VAL D'AGRI GRUMENTO NOVA (PZ) & AREA ARCHEOLOGICA DELL'ANTICA GRUMENTUM

Di recente istituzione, il museo sorge adiacente al parco archeologico della citta' romana di Grumentum e presenta, nei due piani dell’edificio, il suo materiale suddiviso in due sezioni principali, riguardanti l’epoca preromana (pianoterra) e romana (seminterrato). Pannelli didattici illustrano i principali monumenti presenti nella citta'. Raccoglie i reperti archeologici dell' antica colonia romana di Grumentum, dalla preistoria al tardo-antico. Al piano di ingresso è presente una sezione dedicata all'archeologia preromana dell'alta Val d'Agri. Il piano inferiore documenta i vari aspetti della città di grumentum (la scultura. l'artigianato artistico, i culti, la vita pubblica e privata ed il mondo funerario). Di particolare rilievo la testa-ritratto di Livia, moglie dell'Imperatore Augusto.

Grumento Nova (PZ) - Museo archeologico della Val d'Agri
Indirizzo: Contrada Spineta
I-85050 Grumento Nova (PZ)
Apertura: tutti i giorni dalle 09.00 alle 20.00 - Chiuso lunedì mattina
Lunedì pomeriggio aperto dalle 14.00 alle 20.00.
Telefono/Fax: (+39) 0975/65074
Distanza da Maratea: 80 km/ 1h,30
Gli spazi museali sono accessibili ai disabili.


Grumento Nova (PZ) - Parco archeologico di Grumentum:

A breve distanza dal Museo è visitabile l'area archeologica di Grumentum dalle ore 09:00 ad un'ora prima del tramonto. Qui si trova uno dei più interessanti e suggestivi siti archeologici della Basilicata, a pochi chilometri dal centro abitato. Nel Parco archeologico di Grumentum i tre complessi monumentali comprendono, tra l’altro, un teatro di età augustea, un foro e un anfiteatro. Poco distante, il Museo Nazionale dell’alta Val d’Agri custodisce importanti reperti rinvenuti in tutta l’area della valle.


Acerenza (PZ) - Museo Diocesano di Arte Sacra

indirizzo: Largo Seminario
telefono 0971 749221
fax 0971 749221
Tipologia: Arte, Archeologia, Collezioni eterogenee
orario di apertura: Causa ristrutturazione locali, aperto solo su richiesta
ingresso: Gratuito
Materiale in esposizione: Tele, tavole, statue, ex voto, vasi sacri, suppellettili liturgiche, paramenti sacri, lapidarium, pergamene.
anno di fondazione: 1975
destinazione originaria: Castello
superficie(mq): 1500
num. di pezzi esposti: 200



Albano Di Lucania (PZ) - Museo del giocattolo povero e del gioco di strada - antichi mestieri

indirizzo: Via S. D'Acquisto
telefono 0971-984006
fax 0971-984182
Tipologia: Arte-Etnografia-Antropologia
Aperto solo a richiesta
ingresso: gratuito
Materiale in esposizione: Quadri-antichi giocattoli-attrezzi antichi mestieri
referente: Rocco Guarino
destinazione originaria: Scuola
superficie(mq): mq.324
num. di pezzi esposti: 220
proprieta' del museo: Comune
parcheggio: SI



Atella (PZ) - Museo San Benedetto

indirizzo: via Giustino Fortunato s.n.
telefono 0972 715064-715036
e-mail hcaldararo@.it
Tipologia: Arte.
orario di apertura: Aperto solo a richiesta.
ingresso: Gratuito
referente: Sig.ra Helena CALDARARO
materiale in esposizione: Quadri della Scuola Napoletana dal 1400 al 1770; alcune statue lignee del 1600 - 1800.
anno di fondazione: 2000
destinazione originaria: Monastero benedettino
superficie(mq): 150
num. di pezzi esposti: 17
parcheggio: NO



Casa Museo "Domenico Aiello" Moliterno (PZ)

Via Arcivescovo Dimaria
85047 Moliterno, provincia di Potenza
Sito internet: www.domenicoaiellocasamuseo.it
Sito internet: www.domenicoaiellocasamuseo.com
E-mail: direzione@domenicoaiellocasamuseo.it
Pagina Facebook: Domenico Aiello Casa Museo
Telefono: Direttore Dicillo Pasquale +39 339 5725077
Orari di Apertura:
Mattino 10,30 / 12,30 Pomeriggio 17,30 / 19,30
Presidente Prof. Gianfranco Aiello
aiello@esteticadentale.it
www.gianfrancoaiello.it



Viggiano (PZ) - MUSEO DELLE TRADIZIONI LOCALI

Museo delle Tradizioni Locali:
Rione S. Angelo, Convento S.Maria del Gesù
orario di apertura: Aperto tutto l'anno su richiesta
Per info Tel/Fax 0975 - 61647 Punto Informativo Pro Loco
Tel 0975 - 61142 Comune di Viggiano.



Museo del Lupo di Viggiano (PZ)

località Montagna Grande - Fontana dei Pastori
orario di apertura:
Il CEA - Centro di Educazione Ambientale di Viggiano garantisce l'apertura del Museo del Lupo
Per info e prenotazioni: C.E.A. Viggiano - Contrada Fontana dei Pastori / contrada S. Lucia, 85059 Viggiano (PZ)
- Tel 0975 311333 - Fax 0975 350006 -
Per Info e prenotazioni per visitare il Museo contattare: Cell. 320-9187645 (Silvia) / 3409840447 (Antonella) 3209187640 (Giovanna)
email:ceaviggiano@aceaviggiano.it, www.aceaviggiano.it
ceaviggiano@aceaviggiano.it


Il Museo del Lupo, sito a 1400 mt s.l.m. all’interno di una splendida faggeta, è stato inaugurato nel 2000. In questa struttura, oltre ad ammirare gli esemplari di Lupo imbalsamati, è possibile anche consultare una ricca e completa bibliografia tematica su questa specie. Al suo interno è possibile effettuare lezioni che vengono poi seguite da visite guidate sul campo. Il materiale audiovisivo (VHS- DVD) consente, inoltre, di approfondire ulteriormente le conoscenze sul Lupo. Oltre agli esemplari di Lupo sono presenti anche altre specie come l’Aquila, il Tasso e la Volpe. La struttura nata nel 2000 rappresenta il primo museo naturalistico dedicato al Lupo in Basilicata e nel mezzogiorno, e dalla sua nascita ha registrato oltre 25000 visitatori, richiamando anche l’attenzione dei media nazionali.


MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE di VENOSA (PZ)

Venosa (Potenza) - piazza Castello
Sito nel Castello Aragonese di Pirro del Balzo
tel. 0972/36095
Apertura: tutti i giorni, dalle 09.00 alle 20.00 - il martedì dalle 14.00 alle 20.00
Chiuso il martedì mattina.
Piazza Castello (castello Pirro Del Balzo)
Servizi al pubblico: visite guidate
Costo del biglietto: € 2,50; biglietto unico per museo e parco archeologico
Riduzioni: secondo le disposizioni vigenti nei musei statali


Il museo e' ospitato nei camminamenti seminterrati di collegamento tra i bastioni del castello aragonese, costruito nel 1470 da Pirro del Balzo. Il museo e' dedicato, in particolare, alla colonia latina di Venusia, fondata nel 291 a.C. e patria del poeta latino Orazio. Numerosi i reperti relativi alle prime fasi dell'occupazione romana del Melfese, si segnalano alcune ceramiche daunie e, in particolare, un askos a decorazione policroma rinvenuto a Lavello, che rappresenta un funerale indigeno, celebrato, però, secondo canoni diffusi a Roma, a conferma del precoce adeguamento delle aristocrazie daunie ai modelli culturali della nuova potenza dominante.Tra i reperti: ex voto, ceramiche, mosaici, epigrafi, resti di decorazione architettonica, di statuaria e un frammento della Tabula Bantina del II-I sec. a.C. Monete, elementi di decorazione architettonica, ceramiche permettono di definire la storia politica e culturale della città romana sino alle fasi più tarde.
Nella zona montuosa del Volture è presente Venosa, patria di Orazio. Città sannitica prima e romana poi, annovera diversi materiali di spoglio che affiorano dai muri di tutte le costruzioni. Nel corso degli scavi sono stati rinvenuti strutture di edifici civili di età romana, una costruzione termale, un anfiteatro. Oggi Venosa annovera ancora una struttura medioevale, con stradine e piazzette sulle quali si erge maestoso il Castello, con l'annesso Museo Archeologico.
Non lontano dal museo la cosiddetta Casa di Orazio. Notevole la visita all'Abbazia della Trinità. Sono visitabili i siti archeologici del Parco Archeologico, il Giacimento Paleolitico di Notarchirico e le Catacombe Ebraiche


POTENZA: Villa Romana di Contrada Malvaccaro

Villa Romana in località Malvaccaro – alla periferia di Potenza Il mosaico di Malvaccaro e' uno dei pochi reperti, insieme al Ponte S. Vito, della città antica.
Scavi condotti nel 1973 in località Malvaccaro – alla periferia di Potenza – hanno portato alla luce i resti di una villa d’epoca romana, probabilmente del III secolo d.C. La zona centrale della villa, attorno alla quale si aprono cinque ambienti, è formata da un’aula absidata, probabile salone di rappresentanza. L’aula presenta un pavimento in mosaico policromo, con un motivo a squame incorniciato da una fascia di triangoli disposti a spina di pesce: all’epoca, questa tipologia decorativa era abbastanza comune in Lucania. Il sottostante triclinio si caratterizza anch’esso per un bellissimo pavimento musivo, diviso in quattro settori decorati a motivi geometrici inseriti in un’ampia cornice con quadrifogli neri e rombi arancioni. Al centro, si nota un medaglione con i resti di due figure femminili: di queste figure colpisce la fissità dello sguardo. Dall’andamento della struttura, sembra che la Villa continui verso sud. Qui la presenza di un fabbricato, forse adibito a deposito, fa ritenere che l’edificio non fosse una tipica “villa periferica”, bensì una villa con annessa attività produttiva.
Villa Romana di Contrada Malvaccaro, visitabile su richiesta tel. 0971/653111 - 653269
Inoltre consiglio di visitare Vaglio, nelle vicinanze di Potenza, dove ci sono le aree archeologiche di Serra e Rossano, chiuse il lunedì


Scavi archeologici di Serra San Bernardo e Rossano di Vaglio

Vaglio di Basilicata (Pz)
Contatti: Tel. 39 0971 3050 11

Questo caratteristico borgo lucano custodisce orgogliosamente la sua storia. Fuori dal centro abitato una natura incontaminata circonda i siti archeologici di Serra e di Rossano che narrano di antichi insediamenti e di importanti culti in onore di divinità pagane. Il “Museo delle Antiche Genti di Lucania” ricostruisce con puntualità i principali contesti archeologici fioriti in quest’area.


Vaglio di Basilicata (Pz), Museo delle Antiche Genti di Lucania

Luogo: Vaglio Basilicata, Via Dinu Adamesteanu
Contatti: Tel 0971 487871
antichegentilucane@gmail.com
Orari di apertura: Orario invernale: Tutti i giorni ore 09:00 - 13:30; 15:30 - 19:30
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 3,00
Ubicato nel centro del paese, il Museo offre al visitatore una serie di suggestive ricostruzioni corredate da reperti archeologici. Attraverso un viaggio fantastico è possibile rivivere all'interno di una reggia del VI secolo a.C. il cerimoniale del banchetto aristocratico e, nel santuario del IV secolo a.C., gli atti di offerta devozionale alla dea Mefite.



Baragiano (Potenza) - Archeoparco del Basileus

Contatti: +39 320 9714681
+39 329 0267653 (referente Carmela Baraglia)
+39 0971 997071 (Comune Baragiano)
http://www.archeoparco.it/
Ingresso: Gratuito: per tutti i bambini al di sotto dei 10 anni e disabili
Ridotto: € 2.00 per gruppi, bambini over 10 anni e per adulti over 70 anni
Intero: € 3.00

L'Archeoparco del Basileus è una “porta d'ingresso” per un viaggio nella storia e nel mito attraverso l'archeologia lucana, un viaggio che si svolge per mezzo di postazioni scenografiche, in un percorso emozionale e trasversale nel tempo creato con l’obbiettivo di sorprendere, divertire e far apprendere attraverso oggetti, situazioni, giochi. L'archeoparco del Basileus è un parco archeologico situato a Baragiano (PZ), in località Toppo Sant'Antonio, e si estende su un'area archeologica sede di numerosi ritrovamenti.


Muro Lucano (PZ) - Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano

Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano
Via Seminario, 6 Muro Lucano (Pz)
c/o l'ex Seminario Vescovile tel. 0976/71778.
Contatti: Tel/Fax 39 0976 71778
sba-bas.murolucanomuseo@beniculturali.it
Orari di apertura: attualmente il museo è in fase di allestimento.
dal 16 marzo al 1° novembre:
- lunedì e martedì: 9.00-13.00 / 15.00-17.30 - dal mercoledì al venerdì: 9.00-13.00
Giorno di chiusura: sabato e domenica
dal 2 novembre al 15 marzo:
- lunedì e martedì: 9.00-13.00 / 15.00-17.30 - dal mercoledì al venerdì: 9.00-13.00
- sabato: 17.30-20.00 - domenica e festivi: 10.30-12.30 / 17.30-20.00
Ingresso: libero

Il paese, adagiato dolcemente lungo un pendio collinare, fu popolato fin dalla preistoria. Gli scavi portarono alla luce le molte testimonianze degli antichi insediamenti dell’area del Marmo – Platano, oggi visibili nel Museo Archeologico Nazionale. Qui troviamo reperti ben conservati provenienti da necropoli e ville del territorio, come corredi funerari, statue votive, vasellame e pavimenti musivi.


MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DEL MELFESE - MELFI (PZ)

Melfi, Museo Archeologico Nazionale 'Massimo Pallottino'
Castello normanno-svevo; via dei Normanni
Città: Melfi (PZ)
Indirizzo: Via Normanni, Castello Doria, via Castello
Telefono: 0972-238726
Fax: 0972-239726
E-mail: sba-bas.melfimuseo@beniculturali.it
Sito web: http://www.archeobasi.it
Apertura: tutti i giorni dalle 09.00 alle 20.00 - Lunedì pomeriggio dalle ore 14.00 alle 20.00
Chiuso il Lunedì mattina.
Costo del biglietto: € 2,50
Riduzioni: secondo le disposizioni vigenti nei musei statali
www.archeobasi.it/museo-archeologico-nazionale-di-melfi

Il Museo, ubicato all'interno del castello normanno-svevo di Melfi, presenta l'importante documentazione archeologica rinvenuta nel comprensorio del Vulture. Si tratta, in primo luogo, di corredi funerari di VII-III secolo a.C., caratterizzati, per le fasi più antiche, da raffinate ceramiche daunie a decorazione geometrica, da armature in bronzo, dapreziosi ornamenti in argento, oro e ambra e da vasi in bronzo di produzione sia greca che etrusca. Raccoglie reperti archeologici preistorici, italici e romani provenienti dall'area Vulture-Melfese (dal III al IX sec. d.C.). Tra i materiali esposti: corredi funerari del VII-VI sec. a.C. , elmi, spade e lance provenienti dalle colonie greche e dall'Etruria, vasellame metallico e calendari in bronzo prodotti in area etrusca. Caratteristici della fase di IV-III secolo a.C. sono le ceramiche magnogreche a figure rosse e i monumentali vasi a decorazione policroma e con figure applicate, di produzione canosina, rinvenuti, in primo luogo a Lavello (l'antica Forentum). In una torre del Castello è esposto uno straordinario sarcofago: il sarcofago di Rapolla, scultura a bassorilievoin marmo del II secolo d.C. con decorazione a rilievo, riferibile a botteghe dell'Asia minore.
I siti archeologici (di Banzi e Lavello), distanti km 10 ca. dal comune di Melfi, presentano alcune difficoltà di accesso e sono visitabili solo in parte.


Potenza - Museo di arte figurativa contemporanea

Potenza - Sede dell'Associazione Culturale "Il Museo e la Città"
via della Chimica n. 115
Orari: N.d.
Il museo di arte figurativa di Potenza ospita 180 artisti con 414 opere complessive, 182 dipinti, 115 disegni, acquerelli, 26 sculture, 91 opere grafiche.


Potenza - Herbarium Lucanum - giardino botanico

Potenza - Campus Macchia Romana
Orari: non disponibili

L'Herbarium Lucanum è nato nel 1988 con lo scopo di sviluppare una collezione della Flora della Basilicata e dell'Italia meridionale. Attualmente sono presenti piú di 5500 campioni vegetali montati, di cui piú di 5000 identificati. .


Rotonda (PZ) - Museo Naturalistico del Pollino

Rotonda (PZ)- Via Roma
Orari: Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30 - Ingresso libero

Presenta una collezione paleontologica composta da reperti fossili rinvenuti nel bacino della valle del Mercure, tra cui i resti di un Elephas antiquus italicus e di un Hippopotamus amphibius.


Nemoli (PZ) - "Il Micromondo" - Parco tematico sulla geologia della Basilicata

Nemoli (PZ) - Lago Sirino
Orari: N.d.
Il Micromondo racconta la storia geologica della Basilicata, attraverso miniature tridimensionali animate e una vasta collezione di rocce, fossili e minerali


Museo di Arte Sacra (Chiesa San Michele) di Marsico Nuovo (PZ)

Aperto sabato e domenica periodo invernale
Aperto tutti i giorni festivi e periodo estivo
Per info Comune di Marsico Nuovo Tel. 0975 34 51 11
Info-Point Tel. 329 29 36 210
Guida Turistica Tel. 329 29 36 21.



Moliterno (PZ) - Museo civico di Arte Sacra di Moliterno

Luogo: ex chiesa di San Pietro


Sarconi (PZ) - Museo della Civiltà Contadina:

Viale Petrocelli, Sarconi (PZ) Tel/Fax. 0975-66121


Montemurro (PZ)

Museo dell'Olio: Vecchio Frantoio Di Mase


Rionero in Vulture (PZ): LA TAVERN R CROCC

Museo Privato del Brigantaggio e della civiltà contadina
Via Mazzini, 79
85028 Rionero in Vulture PZ




MUSEI E SITI ARCHEOLOGICI IN PROVINCIA DI MATERA


Aliano (MT) - Museo Storico "CARLO LEVI"

Aliano (MT ) - Palazzo Caporale
indirizzo: via Cisterna s.n.
telefono 0835- 568074
fax 0835- 568074
e-mail dilengepietro@tiscali.it
link www.aliano.it
Tipologia: Arte e Storia.
ingresso: a Pagamento
costo: 3 Euro
referente: Sac. Pietro DILENGE
materiale in esposizione: Documenti del confino ad Aliano di Carlo Levi (1935/36), disegni politici, fotografie di Carlo Levi, tesi di laurea su Carlo Levi, quadri, oltre a numerose litografie pubblicate pochi mesi prima di morire e raccolte sotto il titolo "Cristo s'è fermato a Eboli".
anno di fondazione: 1998
destinazione originaria: Palazzo monumentale
superficie(mq): 400
proprieta' del museo: Associazione Culturale privata
parcheggio: No



Aliano (MT) - Pinacoteca Carlo Levi

indirizzo: Piazza Garibaldi
telefono 0835-568038
fax 0835-568196
e-mail aliano@aliano.it
link www.comune.aliano.matera.it
Tipologia: Arte
orario di apertura: da Lunedì a Domenica (escluso Mercoledì) ore 9,30-12,30 / 15,00-17,30
ingresso: a pagamento
costo: 3 euro
referente: Mirandi Biagio
anno di fondazione: 2002
superficie(mq): 200
num. di pezzi esposti: 15
proprieta' del museo: Comune
parcheggio: No



MUSEO DELLA " CIVILTA' CONTADINA " di ALIANO (MT)

Museo allocato nei locali sottostanti la casa dello scrittore Carlo Levi
indirizzo: via Collina s. n.
telefono 0835- 568074
fax 0835- 568074
e-mail proloco@aliano.it
link www.aliano.it
Tipologia: Etnografia e Antropologia - composito-specializzato
orario di apertura: Tutti i giorni (escluso Mercoledì) ore 10,30-12,30 /16,00-19,30
ingresso: A Pagamento
costo: 3 Euro
referente: Sac. Pietro DILENGE
materiale in esposizione: Macchine per frantonio antico azionato a mano e da animali, oggetti per lavori domestici e dei campi, attrezzi per artigianato (maschile e femminile).
anno di fondazione: 1988
destinazione originaria: Museo
superficie(mq): 200
proprieta' del museo: Associazione Culturale privata
parcheggio: SI

Situato all'interno dell'edificio che ospitò tra il 1935 ed il 1936 Carlo Levi, il Museo della civiltà contadina di Aliano espone attrezzi usati nel passato nel lavoro dei campi, arredi domestici , stoviglie e oggetti d'uso comune tipici delle case rurali di Aliano. Interessante la stanza contadina , ricostruita secondo la descrizione di carlo Levi.


Matera - Museo Laboratorio della civiltà contadina e degli antichi mestieri

Ricostruisce gli ambienti ed i mestieri di un tempo, legati al lavoro dei campi e alle attività artigianali praticate anticamente nei rioni materani: arrotino, sellaio, calderaio, ciabattino, vasaio, muratore, fabbro, mastro d'ascia, sarto. Museo Laboratorio della civiltà contadina e degli antichi mestieri a Matera in Via San Giovanni Vecchio n. 60 gestita dall'omonima Associazione (onlus) il cui presidente è l'ideatore Donato Cascione. La panoramica dei tanti attrezzi,utensili e oggetti usati nei tempi antichi dimostrano come si svolgeva la vita nelle case dei Sassi, nelle botteghe artigiane e il lavoro di campagna Ha attualmente un'estensione di 500 m2: nella sua realizzazione definitiva comprenderà il doppio della superficie attuale e si completerà con i laboratori in cui i giovani potranno imparare gli antichi mestieri (cartapestaio, vasaio, panieraio, ecc.). L'allestimento delle sale espositive è stato preceduto da anni di raccolta mirata di oggetti di uso quotidiano e di attrezzi di vari mestieri che erano alla base della vita economica e sociale della città dei Sassi. Un criterio fondamentale ha ispirato l'impostazione dei vari ambienti: il museo non doveva risultare una fredda esposizione di oggetti e arnesi, ma una ricostruzione di ambienti il più possibile fedele alla realtà, e quindi sale vive, accoglienti, curate nei dettagli, dove nulla fosse casuale, dove i giovani potessero vivere un contatto significativo con il passato. Sono soprattutto i giovani, infatti, i fruitori privilegiati di questa iniziativa perchè è giusto che venga loro garantito il pieno recupero di un passato a cui troppo a lungo si è creduto di poter fare riferimento con un sussiego tanto eccessivo quanto ingiustificato. La fase operativa dell'allestimento, preceduta dallo studio approfondito dei testi più significativi della 'letteratura contadina', è stata confortata dalla consulenza entusiasta di anziani che hanno vissuto questa storia la cui testimonianza è costellata di particolari che nessun testo potrebbe fornire, perchè sgorgano da esperienze personali. Attualmente l'associazione è impegnata sul fronte della fruizione, che si vuol garantire a diversi livelli: dalla semplice visita turistica alla ricerca approfondita che accompagna itinerari didattici predisposti per studenti di ogni ordine e grado. Diverse sono le attività culturali che l'associazione svolge nel suo territorio, sempre finalizzate al coinvolgimento dei giovani (lavori di gruppo, produzione di materiale didattico, drammatizzazioni, pubblicazioni di testimonianze, ecc.)
Museo Laboratorio della Civiltà Contadina
E' una casa scavata nella roccia e vi sono in mostra attrezzi e arredi utilizzati fino agli anni '50
Sasso Barisano - Via San Giovanni Vecchio, 60 - 75100 Matera
tel. 0835/344057 - 3286113454
http://www.museolaboratorio.it
email: info@museolaboratorio.it
Ingresso: 2 euro
Apertura: tutti i giorni, dalle 10.00 alle 13,00 e dalle 16.00 alle 20.00



MATERA - MUSEO STORICO " GEN. IGNAZIO PISCIOTTA "

Via D'Alessio, 52 tel. 0835/333211
Apertura: dal Lunedì al Venerdì, dalle 09.00 alle 13.00
Visite per scolaresche e comitive previo accordo



Bernalda (Matera): MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE di METAPONTO

Bernalda (MT) - Borgo Metaponto, via Aristea / Via Lavera
tel. 0835/745327
Apertura: tutti i giorni dalle 09.00 alle 20.00 - Lunedì dalle 14.00 alle 20.00
Chiuso Lunedì mattina
E' visitabile il parco archeologico dell'area urbana e quello delle Tavole Palatine.


Il Museo Archeologico di Metaponto, attraverso una selezione qualificata di reperti di recente acquisizione, propone un quadro archeologico del territorio metapontino, a partire dalla Preistoria sino al periodo tardoantico. Il Museo Archeologico Nazionale di Metaponto raccoglie reperti del territorio metapontino, provenienti dagli scavi della città magnogreca e dalle necropoli e santuari della zona; le 4 sale documentano la presenza indigena dell’età protostorica, la colonizzazione greca del VIII-VII sec. a.C., i rapporti dei greci con le popolazioni indigene, la romanizzazione della zona nel III sec. a.C. Di grande interesse un incensiere con fusto decorato da animali e scene mitologiche proveniente dal sito dell'Incoronata di Pisticci.


PARCO ARCHEOLOGICO DI METAPONTO

Indirizzo: Via Apollo Licio
I-75012 Bernalda (MT)
Telefono: (+39) 0835 745120
Distanza da Maratea: 140 km/ 2h,00



MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA SIRITIDE di POLICORO (MT) & PARCO ARCHEOLOGICO DI ERACLEA

Policoro - Museo Nazionale della Siritide o Museo Archeologico Nazionale di Policoro
Indirizzo: Via C. Colombo, 8
I-75025 Policoro ( MT)
Telefono: (+39) 0835 972154
Distanza da Maratea: 120 km/ 1h,40
telefono 0835/973842 - tel. 0835/972154
Apertura: tutti i giorni dalle 09.00 alle 19.00 - Martedì dalle 14.00 alle 20.00
Chiuso il Martedì mattina.
E' visitabile il parco archeologico di Heraklea il cui accesso è consentito gratuitamente

In prossimita' del parco archeologico di Siris-Herakleia, e' ubicato il Museo Archeologico Nazionale di Policoro, riallestito di recente. In questa struttura espositiva vengono presentati alcuni dei rinvenimenti piu' significativi relativi alle due citta' greche e ai centri indigeni dell'entroterra. Il Museo della Siritide annovera i reperti degli scavi, con le statuette votive, vasi a figure rosse, un busto di Efesto del IV sec. a c., un'anfora greca proveniente probabilmente da Atene e molti altri reperti ritrovati negli insediamenti e nelle necropoli della Siritide. Nei pressi della foce dell' Agri poco lontano dal Mar Ionio del Sinni fu instaurata la sede primitiva di un centro italico. Soppiantata nel VII secolo a.c. dalla colonia ionica di Siris, e nel 433 a.c. dalla città greca di Heraclea, che diventò municipio romano nel 90 a.c. Scarse le tracce dell'antica Siris e comprendono parti di mura e di un centro arcaico. Heraclea si sviluppò su un'altura oggi occupata dal castello baronale e fu la patria del pittore greco Zeusi, oltre che un fiorente centro di lavorazione della ceramica. All'interno del'area archeologica sono custoditi il santuario di Demetra, con sacelli e un pozzo sacro; diversi depositi votivi con la presenza di statuette della dea e altri materiali. Ai lati della strada principale di circa 2 km si aprono numerose strade che portano negli isolati all'interno dei quali è possibile distinguere quartieri residenziali, botteghe, le fornaci dei ceramisti, con le sovrapposizioni dell'età imperiale. Il museo raccoglie reperti archeologici provenienti dalle colonie greche di Siris e Heraklea, di epoca preistorica e classica. Di rilievo i vasi a figure rosse provenienti dalla tomba del Pittore di Policoro, pittore tra i più antichi che operò in Magna Grecia verso la fine del V sec. a.C., anfore greche del VII secolo a.C. e altri corredi italici. E' presente una sezione dedicata agli sport ed ai giochi nella Basilicata antica.


MATERA: MUSEO della TORTURA

Castello della Tortura - Via S. Rocco, 147 - Matera.
Apertura: Mattino: 09.00 - 13.00
Pomeriggio 15.00 - 21.00
Ingresso: Adulti EURO 3.00 - Studenti EURO 2.00 - Bambini EURO 1.50
Ulteriori informazioni:
Telefono: 0835/256484 - FAX: 0835/346031.



MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE "DOMENICO RIDOLA" di Matera

Matera - Via D. Ridola, 24
Orari: aperto dalle 9 alle 20 da martedì a domenica, chiuso il lunedì

Il Museo Nazionale "Domenico Ridola" fu istituito il 9 febbraio 1911, è la sede museale più antica presente in Basilicata.. Raccoglie materiale preistorico donato dal paleotnologo Domenico Ridola e vi si trovano corredi funerari, rinvenuti nelle tombe dell'area materana (VI-IV sec. a.C.) tra cui si segnalano alcuni complessi tombali di particolare rilievo, caratterizzati da monumentali vasi a figure rosse di produzione italiota e da armature e oggetti ornamentali in bronzo. Notevole la raccolta di bronzetti italici fra i quali predomina la figura di Ercole con la clava e con l’arco. Al suo interno sono custodite notevoli testimonianze archeologiche provenienti da tutta l’area del materano. I rinvenimenti più antichi risalgono alla preistoria. Di particolare pregio sono i corredi funerari del IV secolo a. C. provenienti dalla zona di Timmari comprendenti vasellame, armature in bronzo e statuette votive.
Indirizzo: Via Ridola
E-mail: sba-bas.materamuseo@beniculturali.it
Sito web: http://www.archeobasilicata.beniculturali.it
Orari di apertura: ore 9.00 – 20.00; lunedì 14:00-20:00
Ingresso: € 2,50; ridotto € 1,25
Giorno di chiusura: lunedì mattina
Contatti: Tel./Fax: +39 0835 310058
museoridolamt@gmail.com
sba-bas.materamuseo@beniculturali.it

Sono visitabili i siti archeologici di Timmari; Murgia Timone e Murgecchia; Porta Schiavone (Montescaglioso) siti nelle vicinanze di Matera


Matera: MUSMA - Museo della scultura contemporanea

Matera - Palazzo Pomarici
Orari: aperto dalle 10 alle 14 dal martedì alla domenica

Promosso dalla Fondazione Zétema di Matera, il MUSMA rappresenta la stabilizzazione della esperienza ventennale del Circolo La Scaletta, organizzatore di importanti rassegne espositive della scultura contemporanea.


Matera - Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna

Matera - Palazzo Lanfranchi, Piazza Pascoli, 1
Orari: aperto dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 - chiuso lunedì
Il museo espone quadri della Pinacoteca d'Enrico, opere sacre e gran parte della collezione di Carlo Levi.


Matera - Casa grotta di vico Solitario

Matera - Nei pressi della Chiesa di San Pietro Caveoso
Orari: dalle 9.30 alle 20.00

La ricostruzione di una tipica casa-grotta arredata con mobili ed attrezzi d'epoca offre ai visitatori l'idea precisa di come era organizzata la vita famigliare nelle case dei Sassi di Matera.


Accettura (MT) - Museo dei Culti Arborei

indirizzo: via del Maggio

telefono 0835 675299 0835 675005 Tipologia: Etnografia e Antropologia
stato: Chiuso (in allestimento)
referente: Sig. Angelo LABBATE
materiale in esposizione: Oggetti e documenti riguardanti i culti arborei.

Offre ad appassionati e studiosi la rara gamma dei culti arborei propri di quest'area e tipici di pochissime altre comunità del bacino mediterraneo.


Irsina (Mt) - Museo Ianora di Irsinia

Irsina (Mt)
Orari: su richiesta
Ospita una collezione di costumi femminili del '700.




Musei in Provincia di Salerno (Campania), ma a pochi chilometri dalla Lucania


PADULA - MUSEO ARCHEOLOGICO DELLA LUCANIA OCCIDENTALE

Indirizzo: Viale della Certosa
I-84034 Padula (Sa)
Telefono: 800 219 661
Distanza da Maratea: 60 km/ 0h,45



PAESTUM SCAVI & MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

Indirizzo: Via Magna Grecia-Paestum
I-84047 Capaccio (Sa)
Telefono: (+39) 0928 811023
Distanza da Maratea: 120 km/ 2h,00



ROCCAGLORIOSA MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO

Indirizzo: Piazza Borgo S. Antonio
I-84060 Roccagloriosa (Sa)
Telefono: (+39) 0974 981113
Distanza da Maratea: 40 km/ 0h,45




Musei in Provincia di Cosenza (Calabria), ma a pochi chilometri dalla Lucania


SIBARI - SCAVI & MUSEO NAZIONALE DELLA SIBARITIDE

Indirizzo: SS 116 Ionica Km 24
I-87070 Sibari (Cs)
Telefono: (+39) 0981 79166
Distanza da Maratea: 125 km/ 1h,35

Matera: Museo Ridola, Collezzione Rizzon