Crea sito

Welcome to: www.lucaniamia.altervista.org*** Nota: Le foto e i testi presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet, Wikipedia (Wikipedia e' liberamente editabile), Enciclopedie, liberamente tratte dagli organi di informazione,proprie o a me inviatemi e quindi valutate di pubblico dominio. Tutti gli eventuali diritti sulle immagini e testi appartengono ai legittimi proprietari. Se i soggetti o autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo. Provvedero' prontamente alla rimozione delle immagini o testi utilizzati. Il presente sito non e' a scopo di lucro, ma desidera solo la diffusione della conoscenza. Queste pagine pero' mi sono costate molta fatica intellettuale e manuale. Mi riservo i diritti di autore. Per apportare eventuali correzioni ho inserito una "Guestbook" se vuoi lasciarmi un messaggio come visitatore del sito. Questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Ideazione, realizzazione e Design di Gino Di Grazia.
*This is a site no profit.* © Copyright 2011. All Rights Reserved.* Idea, Implementation & Design by : Gino Di Grazia* Powered by : digrafic.creativity* Contact, sendmail to: lucaniamia@gmail.com



La Lucania

Rocco Scotellaro

Nonostante le umili origini (il padre Vincenzo era calzolaio, la madre, Francesca Armento, casalinga) la sua infanzia trascorre piuttosto serenamente e i sacrifici familiari gli consentono di frequentare la scuola. A dodici anni si trasferisce a Sicignano degli Alburni per iscriversi al collegio, per poi spostarsi a Cava dei Tirreni, Matera, Roma, Potenza, Trento e Tivoli, dove porta a compimento il percorso di studi classici. Nel 1942 frequenta la facolta' di giurisprudenza a Roma e gli viene assegnato un posto di istitutore presso Tivoli, ma, conseguentemente alla guerra e alla morte del padre, avvenuta lo stesso anno, decide di tornare nel suo paese natale. Ben conoscendo il dramma dei contadini meridionali e avendo fatto suoi le indicazioni e i consigli del padre, pur continuando gli studi (prima a Napoli, poi a Bari) inizia un' intensa attivita' sindacale che sfocia nell' iscrizione al Comitato di Liberazione Nazionale e al Partito Socialista e nella fondazione della sezione tricaricese del suddetto partito. Nel 1946, all' eta' di ventitre' anni, diventa sindaco di Tricarico e nello stesso anno incontra per la prima volta Manlio Rossi Doria e Carlo Levi, che Rocco indichera' come suo mentore. Nel 1950 e' accusato di concussione, truffa e associazione a delinquere dai suoi avversari politici e per questo costretto al carcere per 45 giorni circa, quando la cospirazione politica che aveva avanzato l' accusa fu chiara e Rocco fu assolto con formula piena per non aver commesso il fatto. A causa di questa vicenda, unita alla delusione scaturita dalla non elezione a livello provinciale, abbandona l' attivita' politica per dedicarsi maggiormente a quella letteraria. Nello stesso anno accetta la proposta di Rossi Doria per un incarico all' Osservatorio Agrario di Portici, dove compie ricerche e studi sociologici e comincia un' inchiesta sulla cultura e sulle condizioni di vita delle popolazioni del sud per conto della casa editrice Einaudi. L'indagine rimase interrotta per la morte improvvisa di Scotellaro, il 15 dicembre 1953, stroncato da un infarto, a soli 30 anni. Nel dopoguerra Rocco Scotellaro vide nel Partito Socialista il mezzo ideale per il miglioramento delle condizioni economiche e sociali dei contadini di cui i governi si erano sempre poco occupati. Avendo vissuto l' infanzia e lunghi anni dell' eta' adulta in un centro rurale, era ben conscio della situazione disumana in cui sopravviveva la civilta' contadina: le carenze alimentari e igienico-sanitarie, un caporalato spietato e intransigente, l'estrema e costante poverta'. Sin dall' inizio della sua attivita' politica si dedico' quasi esclusivamente allo sradicamento di queste fonti di malessere secolare. Nel dopoguerra partecipo' attivamente all' occupazione delle terre incolte di proprieta' dei latifondisti e fu tra i maggiori promotori della Riforma Agraria del Sud e in modo particolare della Basilicata. Sua caratteristica principale in ambito politico e' la volonta' di coinvolgere la popolazione per la soluzione dei problemi, come dimostra la fondazione dell' Ospedale Civile di Tricarico, nel 1947, realizzato con il contributo economico e umano dei cittadini, tra cui il vescovo dell' epoca, Raffaello delle Nocche. L' ingenuita' politica, forse determinata dalla sua giovanissima eta', si paleso' al momento dell' arresto, che scateno' in lui una delusione tanto amara da indurlo ad abbandonare gli incarichi istituzionali, senza pero' farlo mai disamorare della sua gente. Tutte le opere di Scotellaro sono strettamente collegate alla societa' contadina a cui orgogliosamente dice di appartenere. Gran parte degli scritti e delle composizioni di Scotellaro furono pubblicate postume, anche grazie all' impegno e all'interessamento di Levi e Rossi-Doria, e valsero all' autore lucano diversi premi e riconoscimenti, tra cui il Premio Viareggio e il Premio San Pellegrino, entrambi nel 1954. L' ambito letterario in cui Scotellaro si dimostro' piu' prolifero fu la poesia (con oltre un centinaio di composizioni), ma fu autore anche di un romanzo (L' uva puttanella), un' inchiesta (Contadini del sud), un' opera teatrale (Giovani soli) e diversi racconti, raccolti nell' opera "Uno si distrae al bivio".

La poesia Le composizioni giovanili

Gia' durante l' adolescenza scrive le prime poesie, come dimostra la poesia "Lucania", scritta nel 1940:

M'accompagna lo zirlio dei grilli
e il suono del campano al collo
d'un'inquieta capretta.
Il vento mi fascia
di sottilissimi nastri d'argento
e l?, nell'ombra delle nubi sperduto,
giace in frantumi un paesetto lucano.

Questi versi, cosi' come tutti quelli del periodo ("I versi e la tagliola" , "Nel trigesimo di mio padre"), sono caratterizzati da un' ambientazione pastorale serena, descritta tramite elementi sia realistici che fantastici, creando un' armonia di immagini e visioni che esaltano la vita bucolica. Il cambiamento stilistico e le nuove speranze Le asperita' della vita, pero', portano il giovane autore a una visione piu' concreta della realta' che lo circonda: prima la nostalgia del paese, poi la guerra fanno si' che i versi diventino piu' severi e critici, scaturendo la completa perdita di ingenuita' e leggerezza nelle composizioni. Nascono cosi' versi come "Passaggio alla citta' " e "La fiera". Al periodo di sconforto e di negativita' segue l' enfasi del riscatto politico e sociale della civilta' contadina, da cui prendono spunto per poi trasformarsi in versi d' incitamento le composizioni dal 1945 al 1947, in cui protagonisti sono i "cafoni", pronti a rivendicare i propri diritti. La lirica diventa incalzante, sferzante, per certi aspetti epica, a celebrare l'ingresso nella civilta' del mondo meridionale. Di questi anni sono "L' amica di citt", "E' fatto giorno", "Sempre nuova l' alba", "Le nenie".

La fase rivoluzionaria, pero', ben presto lascia il posto ad un momento di sconforto dato dai risultati elettorali del 1948. Il linguaggio poetico diventa meno spontaneo, ma piu' cupo e volutamente ripetitivo, da cui emerge un senso di rassegnazione e smarrimento. Sotto questa luce nascono "Pozzanghera nera il 18 aprile", "Noi non ci bagneremo", "Noi che facciamo?", "Ho capito fin troppo". Questa fase non comporta la perdita di spinta propulsiva bensi' fa in modo che il sindaco poeta trasporti tutto il suo impegno a favore dei contadini nell'attivita' letteraria abbandonando quella politica - e' come se egli si fosse reso conto che un impegno letterario potesse essere piu' duraturo nel tempo - D'altronde il tempo gli ha dato ragione, visti i riconoscimenti post-mortem che gli sono pervenuti e l' importanza che la questione meridionale ha assunto anche grazie alle sue testimonianze. Ampio spazio nella poesia scotellariana e' riservato alla figura dei genitori, in modo particolare al padre, verso cui nutriva sentimenti di affetto e profondo rispetto e la sua improvvisa scomparsa fu fonte di incommensurabile dolore e pentimento, come dimostrano "Mio padre", "Al padre" e "La benedizione del padre". La figura materna e' vista in maniera ambivalente. In diversi componimenti guarda a lei con occhio comprensivo e compassionevole per la vita che e' costretta a vivere, le parole per lei sono colme di amore ed al contempo in grado di esaltarne le virtu' e di evidenziarne i limiti dati dalla sua condizione sociale ("Tu sola sei vera", "Casa"). In altre poesie il tono si fa aspro, il rapporto conflittuale ("A una madre", "Il grano del sepolcro"). Altri componimenti di notevole interesse letterario e sociologico sono "Ti rubarono a noi come una spiga", "La luna piena" e "Giovani come te" tramite cui Scotellaro fornisce una moltitudine di interessanti spunti per un' analisi accurata del modo di vivere e di concepire il mondo non solo della civilta' contadina, ma anche dei giovani come lui che vi crescevano a stretto contatto. Col passare degli anni la sua poesia si fa piu' angosciosa e in alcuni componimenti si fa evidente la paura della morte. Emblematica, quasi un presagio, e' la poesia "Le tombe le case" nella quale le parole del titolo si ripetono in maniera ossessiva e il verso "cuore cuore oltre non ti fermare" diventa, nello svolgersi del componimento, "cuore, non ti fermare".



Le tombe le case

Le tombe le case ...
cuore cuore
oltre non ti fermare.
Il fumo dei camini
nell'aria bagnata;
il passo dei nemici:
bussano alla tua porta, proprio.
Cuore cuore
oltre non ti fermare.
Le tombe le case,
Novembre ? venuto,
la campana: ? mezzogiorno,
? lo scherzo del tempo.
I morti non possono vedere,
la mamma ? cieca presso il focolare.
Cuore cuore
oltre non ti fermare.
Le tombe le case,
dirsi addio e rimandare
l'amore ad altra sera.
Come le mosche moribonde ai vetri
scorrono ai cancelli i prigionieri,
? sempre chiuso l'orizzonte.
Quanti non hanno che sperare,
cuore, non ti fermare.
Le tombe le case,
e il dieci di Agosto
che abbiamo scasato.
Che fanno dove abitavamo?
Negli alberghi girano le chiavi?
I miseri, i buoni
son condannati ai traslochi?
Le donne ebree gridano sui massi
del tempio rovinato.
Quanti non hanno chi pregare,
cuore non ti fermare.
Le tombe le case,
uomini curvi donne aggrovigliate
si confessano alle inferriate
della Ricevitoria del lotto.
L'anima mia
? in questo respiro
che mi riempie e mi vuota.
Cosa sar? di me?
Cosa sar? di noi?
Per chi vuol camminare
dalle tombe alle case
dalle case alle tombe
grida nei cantieri
grida ai minatori
cuore, non ti fermare.


Una delle sue poesie piu' conosciute e' :

La mia bella Patria

Io sono un filo d'erba
un filo d'erba che trema
E la mia Patria ? dove l'erba trema.
Un alito puo' trapiantare
il mio seme lontano.


La prosa

Parallelamente alla poesia, Scotellaro sviluppa passione per la prosa, cosi', dopo i primi versi, scrive alcuni racconti (1942-1943), in cui si prefigurano l' ambientazione e i protagonisti di tutta la sua opera letteraria futura. Gli scritti in prosa, se confrontati alle composizioni poetiche, sono in numero minore, di natura eterogenea e concepiti in periodi di vita molto particolari per l'autore, quindi, in essi non possiamo riscontrare grandi cambiamenti stilistici e tanto meno un processo di maturazione compositiva e culturale dell'autore. Tramite questi, invece, e' possibile un' analisi piuttosto profonda dei sentimenti e delle convinzioni che animarono lo scrittore negli ultimi anni di vita.

L'uva puttanella

Si tratta di un romanzo autobiografico probabilmente iniziato attorno al 1950 e rimasto incompiuto a causa dell' improvvisa morte di Scotellaro. I primi capitoli di quest' opera presentano l' autore, dalla sua infanzia fino alle vicende che lo portarono in carcere e alle dimissioni da sindaco, per poi svilupparsi, facendo emergere intenti ben piu' ambiziosi di un semplice racconto di eventi personali. Infatti, nonostante la narrazione sia frammentaria e disomogenea, appare chiaro che gli eventi negativi vissuti sono spunti per una riflessione ampia e profonda sul contesto storico in cui Scotellaro vive, concentrandosi in modo particolare su quel sottoproletariato rurale (paragonato agli acini maturi, ma piccoli, di uva puttanella) di cui ben conosce angosce e tribolazioni, riuscendo ad unire a questi sentimenti la ricerca di soluzioni e risposte adeguate.

Contadini del Sud

E' un' indagine sociologica iniziata nel 1950 e rimasta anch'essa incompiuta. E' costituita dalla narrazione di storie individuali, fatte dagli stessi protagonisti, molto differenti tra loro: Cosimo Montefusco, bufalaro della piana del Sele, le cui ambizioni non si spingono oltre lo scavar fossi e zappare il proprio terreno; Andrea Di Grazia, coltivatore diretto e democristiano; Francesco Chironna, mezzadro, potatore e innestatore, che si ritiene politicamente indipendente; Michele Mulieri, contadino ed artigiano, anarchico; Antonio Mangiamele, suo intimo amico; Antonio Laurenzana piccolo affittuario di Tricarico. Attraverso le loro testimonianze e alcuni scritti lasciatigli dalla madre, l' autore riesce a dipingere il variegato quadro della civilta' contadina, fatto certamente di dolore e sconforto, ma anche carico di voglia di riscatto dato anche da un certo "risveglio politico".

Uno si distrae al bivio

E' la raccolta dei primi racconti di Scotellaro e il titolo di quest' opera e' preso dal primo di essi, ovvero quello ritenuto il piu' vecchio dell' antologia. Questo piccolo volume nacque grazie a Carlo Levi, che si occupo' personalmente del recupero e del riordino di questi scritti, a cui pose una sua prefazione, da cui emerge l' affetto e l' ammirazione per il sindaco-poeta lucano: " Resta e si accresce una giusta immagine di lui, che non si puo' chiudere in schemi, ne' sfuocare in commosse esaltazioni, ma che sempre piu' chiaramente si mostra in un suo carattere unico e esemplare, una realta' vera che va al di la' del suo mondo di allora, dei suoi dolori, delle sue lotte, che non si ferma agli scritti, e che parla sempre piu' chiaramente, in modo nuovo, non solo della Lucania e del Mezzogiorno, ma della vita dell' uomo e della sua pericolante giovinezza". Una delle caratteristiche di quest' opera e' data dall' originalita' del linguaggio, in grado di unire termini e strutture linguistiche dialettali ad un italiano quasi aulico e celebrativo, tramite cui si rafforza la pienezza espressiva. Questi racconti potrebbero essere intesi come il punto di partenza dell' opera scotellariana: non ancora stilisticamente maturi e piuttosto limitati nell' ambito dei contenuti, ma gia' capaci di delineare i valori e gli ideali caratterizzanti l' opera politica e letteraria dell' eta' matura. Tramite essi si assiste al passaggio dall' adolescenza, con la confusione e l' indeterminazione a cui essa si lega, alla persona compiuta, capace di scindere volonta' e dovere, in grado di affrontare con coraggio i bivi a cui la vita conduce, nonostante la consapevolezza che la strada da intraprendere e' difficile e dolorosa.

Giovani Soli

Opera teatrale in due atti, concepiti durante la permanenza a Trento, fu pubblicata per la prima volta nel 1984, grazie a una parente di Scotellaro, Rosaria Toneatto, che si occupo' della sua conservazione. Sentirsi soli e' come essere faccia a faccia con la morte da questa frase dell' autore potremmo estrapolare il leitmotiv di questo dramma, sul cui sfondo si stampa la crisi nazionale degli anni '42-'43, che alimentano i dubbi e gli interrogativi personali di Scotellaro. E' dunque necessario, per fronteggiare adeguatamente il periodo negativo, fare i conti con la realta', comprendere di essere parte attiva e integrante di essa, abbandonando qualunque tipo di alienazione. Quest' opera, oltre ad aggiungere qualcosa alla sua biografia, puo' contribuire a far conoscere uno Scotellaro piu' vero e pieno di interessi.


Bibliografia
Opere di Rocco Scotellaro
E' fatto giorno, Mondadori, Milano 1954, 1982;
Contadini del Sud, Laterza, Bari 1954;
L'uva puttanella, Laterza, Bari 1955;
Uno si distrae al bivio, Basilicata, Roma-Matera 1974;
Margherite e rosolacci, Mondadori, Milano 1978;
Giovani soli, Basilicata, Matera 1984;
Tutte le poesie 1940-1953, Mondadori, Milano 2004.
Opere su Rocco Scotellaro
Franco Fortini, La poesia di Scotellaro, Basilicata, Roma-Matera 1974;
AA. VV., Il sindaco poeta di Tricarico, Basilicata, Roma-Matera 1974;
Franco Vitelli, Bibliografia critica su Scotellaro, Basilicata, Matera 1977;
Raffaele Nigro, a cura di, Lettere a Tommaso Pedio, Edizioni Osanna Venosa, Lavello, 1986;
Laura Parola Sarti, Invito alla lettura di Rocco Scotellaro, Mursia, Milano 1992.
Voci correlate
Premio Viareggio
Premio San Pellegrino
Tomba di Rocco Scotellaro
Collegamenti esterni
Centro di Documentazione Rocco Scotellaro

 


Video: Ricordo di Rocco Scotellaro
Video: Raccolta di 26 Poesie di Rocco Scotellaro