Crea sito

Welcome to: www.lucaniamia.altervista.org*** Nota: Le foto e i testi presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet, Wikipedia (Wikipedia e' liberamente editabile), Enciclopedie, liberamente tratte dagli organi di informazione,proprie o a me inviatemi e quindi valutate di pubblico dominio. Tutti gli eventuali diritti sulle immagini e testi appartengono ai legittimi proprietari. Se i soggetti o autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo. Provvedero' prontamente alla rimozione delle immagini o testi utilizzati. Il presente sito non e' a scopo di lucro, ma desidera solo la diffusione della conoscenza. Queste pagine pero' mi sono costate molta fatica intellettuale e manuale. Mi riservo i diritti di autore. Per apportare eventuali correzioni ho inserito una "Guestbook" se vuoi lasciarmi un messaggio come visitatore del sito. Questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Ideazione, realizzazione e Design di Gino Di Grazia.
*This is a site no profit.* © Copyright 2011. All Rights Reserved.* Idea, Implementation & Design by : Gino Di Grazia* Powered by : digrafic.creativity* Contact, sendmail to: lucaniamia@gmail.com

Torna a Home

La Lucania, pagine di un libro del 1745.


La Lucania, discorsi di Giuseppe Antonini, Barone di S. Biase. Stampato a Napoli MDCCXLV (1745).
Da queste poche pagine, quasi come se fossero una Tavola Osco Bantina, si scoprono interessanti e curiose annotazioni. Per esempio: Petilia era la Capitale della Lucania, e non Taranto, come Freculfo nella sua Cronaca dava questo primato. Anche Gioachino Hagemejera situava Taranto in Basilicata! Achei e Trezenj occupano il lido del mare Jonio, dove fu edificato Turio. (Turio o Turi - l'odierna Bari). Il fiume Sele dagli antichi era chiamato Silaro, il fiume Acri era chiamato anticamente Aciri, (oggi invece si chiama Agri). Acerenza malamente allogata in Puglia, presa dal Cosolo Levino, presidiata da Goti e da' Longobardi, in potere de' Romani, assediata inutilmente dall'Imperatore Costanzo, incendiata. Sua bella Chiesa Arcivescovile, fu subordinata al Patriarca di Costantinopoli, fatta poi Arcivescovato dal Pontefice Romano. Paestum era chiamata Pesto. L' Imperatore Adriano divide nuovamente l' Italia, ma in altra maniera. Alarico saccheggia Roma, devasta la Lucania, muore n' Bruzj. Accettura creduta l' Acidios dell' Itinerario d' Antonino.