Crea sito

Welcome to: www.lucaniamia.altervista.org*** Nota: Le foto e i testi presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet, Wikipedia (Wikipedia e' liberamente editabile), Enciclopedie, liberamente tratte dagli organi di informazione,proprie o a me inviatemi e quindi valutate di pubblico dominio. Tutti gli eventuali diritti sulle immagini e testi appartengono ai legittimi proprietari. Se i soggetti o autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarmelo. Provvedero' prontamente alla rimozione delle immagini o testi utilizzati. Il presente sito non e' a scopo di lucro, ma desidera solo la diffusione della conoscenza. Queste pagine pero' mi sono costate molta fatica intellettuale e manuale. Mi riservo i diritti di autore. Per apportare eventuali correzioni ho inserito una "Guestbook" se vuoi lasciarmi un messaggio come visitatore del sito. Questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Ideazione, realizzazione e Design di Gino Di Grazia.
*This is a site no profit.* © Copyright 2011. All Rights Reserved.* Idea, Implementation & Design by : Gino Di Grazia* Powered by : digrafic.creativity* Contact, sendmail to: lucaniamia@gmail.com



< align="center" valign="top">

La Lucania

Cristo si Ŕ fermato a Eboli

Gli attori lucani nel Film "Cristo si Ŕ fermato a Eboli".

 

Chi sono tra le molte comparse, gli attori lucani nel Film "Cristo si Ŕ fermato a Eboli" di Levi:


Rocco Sisto di Pisticci nel ruolo di un pastore di capre dai lunghi baffi bianchi.

Giuseppe Albino di Pisticci, il banditore necroforo, " u' jettabann' ".

Giovanni Montanaro di Pisticci, morto in una masseria, invano curato da Levi.

Giuseppe Persia nel ruolo di l'esattore delle imposte, con il berretto "U.E.".

Carmelo Lauria nel ruolo di Carmelino, figlio di Giulia la "Santarcangelese".


Le riprese sono state girate a Matera, Pisticci (l'antica stazione di pozzitello), Aliano (dove si svolge il romanzo originale) e Guardia Perticara (scene della piazza, della casa del PodestÓ e della chiesa), moltissime scene in realtÓ sono state girate a Craco, un paese disabitato della Basilicata (panoramiche esterne ed ingresso del paese).


Cristo si Ŕ fermato a Eboli Ŕ un film di Francesco Rosi, girato in Basilicata nel 1979 e tratto dall'omonimo libro di Carlo Levi e interpretato da Gian Maria VolontÚ, Regia di Francesco Rosi.

Premiazioni:

David di donatello 1979: miglior regia - miglior film

Nastri d’argento 1979: miglior attrice non protagonista (Lea Massari)

1982 - miglior film straniero british academy of film and television arts awards

1979 - gran premio festival di Mosca.


TRAMA


Nel 1935, il medico-pittore e scrittore antifascista di Torino Carlo Levi, viene condannato dalla dittatura fascista al confino in un paesino della Lucania, scortato da due carabinieri, scende dal treno alla stazione di Eboli: "Cristo si Ŕ davvero fermato a Eboli, dove la strada e il treno abbandonano la costa di Salerno e il mare, e si addentrano nelle desolate terre di Lucania. Cristo non Ŕ mai arrivato qui, nÚ vi Ŕ arrivato il tempo, nÚ l'anima individuale, nÚ la speranza, nÚ il legame tra le cause e gli effetti, la ragione e la Storia". Il viaggio prosegue in pullman e quindi in automobile. Raggiunto Gagliano, Carlo inizia a fare piccole passeggiate giornaliere in compagnia del cane Barone e lentamente entra in contatto con la popolazione che finisce per imporre, tanto a lui quanto al podestÓ fascista, di esercitare la professione di medico. All’inizio gli sembra di essere come sepolto vivo, poi lentamente, quasi impercettibilmente, comincia a interessarsi al luogo e ad amare la gente che ci vive: il goffo podestÓ, la sua fantesca-maga, il prete, il barone. La sorella Luisa lo raggiunge e Carlo si trasferisce con lei in una casa dove la domestica Giulia si dedica a loro. Carlo comincia cosý a dedicarsi alla pittura, scambia qualche parola con gli abitanti, con il podestÓ, con il misterioso Don Trajella. La conquista dell'Abissinia gli riconsegna la libertÓ. Tornato a Torino carico di ricordi, Carlo scriverÓ un libro per ricordare questa esperienza.


CRITICA


"La complessitÓ di questo film non tanto nelle forme espressive adottate da Francesco Rosi per rendere le reazioni interiori del protagonista a contatto con una realtÓ ancestrale di cui non aveva mai neppure immaginato l'esistenza, quanto nella esterioritÓ ed interioritÓ di questo mondo desolato, immobile, apparentemente atono e disperato ma non privo di luminositÓ insospettabili: la vita dei contadini legata al fluire dei ritmi della natura, la religione vissuta spesso come superstizione, la magia venerata al posto di una scienza non conosciuta o male presentata, le necessitÓ vitali a provocare le emigrazioni e i lucani naturali a determinare vacue nostalgie o fallaci ritorni, il senso di emarginazione rispetto all'altra Italia in cammino su strade di falsi imperialismi o avviata a sviluppi non adottabili, la tragica percezione di un fenomeno di dissoluzione della terra e della vita insieme. Come sempre, in casi analoghi, la critica pu˛ essere fatta con severi raffronti all'opera letteraria che ha dato origine al soggetto o con paragoni ad opere analogamente impostate su realtÓ corali viste socialmente, etnicamente, politicamente, moralmente (e in questo caso 'L'albero degli zoccoli' e 'La terra trema' sono i titoli che per primi si impongono). Ma il film Ŕ quello che Ŕ: forte, sobrio, impressionante, eloquente, ben interpretato e ben diretto. Le critiche comparative, come certe analisi pignole ne sminuirebbero la portata di documento appassionante, purtroppo ancora di attualitÓ, tutto da meditare." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 87, 1979)


Attori del Film:


Gian Maria VolontÚ nel ruolo di Carlo Levi

Paolo Bonacelli nel ruolo di Don Luigino Malagone, il podestÓ

Alain Cuny nel ruolo di Barone Nicola Rotunno

Lea Massari nel ruolo di Luisa Levi, sorella di Carlo

Franšois Simon nel ruolo di Don Trajella

Irene Papas nel ruolo di Giulia Venere, la "Santarcangelese".

Rocco Sisto nel ruolo di un pastore dai baffi bianchi

Luigi Infantino nel ruolo di Faccialorda, l'autista

Accursio Di Leo nel ruolo di Falegname

Francesco CÓllari nel ruolo di Dr. Gibilisco

Vincenzo Vitale nel ruolo di Dottor Milillo

Carmelo Lauria nel ruolo di Carmelino, figlio di Giulia la "Santarcangelese".

Antonio Allocca nel ruolo di Don Cosimino

Vincenzo Licata nel ruolo di L'italo-americano

Emma Muzzi Loffredo nel ruolo di Madonia Carmela, la mafiosa al confino

Francesco Palumbo nel ruolo di L'autista

Giuseppe Persia nel ruolo di L'esattore delle imposte

Stavros Tornes nel ruolo di Il segretario del sindaco

Giacomo Giardina nel ruolo di Il becchino

Francesco Capotorto nel ruolo di Prigioniero comunista

Maria Antonia Capotorto nel ruolo di Donna Caterina

Lidia Bavusi nel ruolo di La vedova

Pasquale Tartaro nel ruolo di Carabiniere

Tommy Polgßr nel ruolo di Sanaporcelle Tommaso Polgßr

Antonio Jodice nel ruolo di Carabiniere

Antonio Di Leva nel ruolo di Italo americano

Frank Raviele nel ruolo di Brigadiere dei Carabinieri



Brevi sequenze del Film:


---------------------------



"Cristo si e' fermato a Eboli". Movie sequence - Arrivo in Lucania.



"Cristo si e' fermato a Eboli". Movie sequence - Arrivo in Lucania.



---------------------------



Carmelo Lauria nel ruolo di Carmelino, figlio di Giulia la "Santarcangelese".


Video: Carlo Levi Giulia la Santarcangelese

Giulia la "Santarcangelese".

Alta e formosa, con un vitino sottile come quello di un' anfora, tra il petto e i fianchi robusti. Doveva aver avuto, nella sua gioventu', una specie di barbara e solenne bellezza. Il viso era ormai rugoso per gli anni e giallo per la malaria. Sul grande corpo imponente, diritto, spirante una forza animalesca, si ergeva, coperta dal velo, una testa piccola, dall' ovale allungato. La fronte era alta e diritta, mezza coperta da una ciocca di capelli nerissimi e unti; gli occhi a mandorla, neri e opachi, avevano il bianco venato di azzurro e di bruno, come quello dei cani. Il naso era lungo e sottile, un po' arcuato; la bocca larga, dalle labbra sottili e pallide, con una piega amara, si apriva per un riso cattivo a mostrare due file di denti bianchissimi, potenti come quelli di un lupo Giulia aveva avuto 17 gravidanze da 15 uomini diversi, compreso il parroco, per questo nel paesino di Aliano veniva indicata come la "Santarcangelese" (nativa di Santarcangelo, in provincia di Potenza in Lucania), appellativo cui veniva dato un significato negativo. Lei era l'aliena, quella che era venuta da un altro posto a portare il germe del male. Lei era la strega, quella che volava sulla scopa. Insomma niente di nuovo sotto al sole ... l'"altro", il "diverso", e' sempre quello che porta il male L' autore del quadro nonche' del ritratto letterario di Giulia, e' Carlo Levi, autore del libro "Cristo si e' fermato a Eboli". Nel Videoclip vedete un breve filmato di "Cristo si e' fermato a Eboli", Film di Francesco Rosi del 1979. La famosa attrice Irene Papas interpreta Giulia, la Santarcangelese.


--------------------------



Giuseppe Persia nel ruolo di l'esattore delle imposte, con il berretto "U.E.".



Giuseppe Persia nel ruolo di l'esattore delle imposte, con il berretto "U.E.".



-----------------------



Rocco Sisto di Pisticci nel ruolo di un pastore di capre dai lunghi baffi bianchi.


Rocco Sisto di Pisticci nel ruolo di un pastore di capre dai lunghi baffi bianchi.



----------------------




Giuseppe Albino di Pisticci, il banditore necroforo, " u' jettabann' ".



Video: tratto dal Film "Cristo si e' fermato a Eboli", dove si vede lo " 'jettabbann" e un " 'sanapurcelle"

Giuseppe Albino di Pisticci, il banditore necroforo, " u' jettabann' ".